Far East

di Marcello Greco

  • Anna Politkovskaja

    Nuovi test del dna avvalorerebbero l’ipotesi che a uccidere la giornalista di Novaja Gazeta Anna Politkovskaja, il 7 ottobre del 2006, possa essere stata una donna.

    A rivelarlo è Murad Musayev, avvocato di Rustam Makhmudov, ritenuto il killer della reporter, secondo cui le tracce di dna rinvenute sull’arma del delitto apparterebbero a un soggetto di genere femminile.

    Come ricorda anche la difesa del presunto assassino, le ultime immagini di Anna Politkovskaja in vita, ripresa da una telecamera di sorveglianza, mostrano la giornalista seguita da una donna con lunghi capelli biondi.

    Rustam Makhmudov

    L’avvocato di Makhmudov, arrestato in Cecenia lo scorso 31 maggio dopo una latitanza all’estero durata 5 anni, punta a dimostrare l’innocenza dell’uomo che sarebbe stato “incastrato” pur di risolvere un caso che da anni imbarazza il Cremlino.

    Perplesso il figlio della reporter uccisa, Jurij, secondo cui “le tracce di dna ritrovate sulla pistola potrebbero appartenere a una donna che aveva maneggiato l’arma in passato”.

    Per l’omicidio di Anna Politkovskaja, tre altre persone, inclusi due fratelli di Makhmudov, sono stati processati e poi assolti nel 2009. Successivamente, la Corte Suprema ha ordinato nuove indagini e un nuovo processo.

    Fonte: Moscow Times

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Foto Blogger

Calendario

Commenti recenti